martedì 15 luglio 2008

DILETTANTI SPENDACCIONI ALLO SBARAGLIO!

Un po’ di ghiaccio a luglio non fa male
Pista di pattinaggio sul ghiaccio

Siamo in piena estate, fa molto caldo ed un po’ di frescura non fa male a nessuno. Un po’ di freddo, cioè parecchi metri cubi di giaccio, sono infatti stati oggetto della delibera n.171 del 26/6/2008 che intitola: “atto di indirizzo per la ricerca di mercato della ditta che effettuerà l’installazione di un impianto di pista di pattinaggio sul ghiaccio durante le festività natalizie”. Progetto necessario? Opportuno? Condiviso da tutti? Quante persone di Tradate percentualmente coinvolge? Forse non sta a me giudicare ed esprimere un giudizio, in quanto non amo questo tipo di sport e divertimento. Quello che ha attirato la mia attenzione però, è stato non tanto il testo della delibera, ma il riferimento di natura economica. Nella delibera infatti si evidenzia solo che “è stata incassata una somma di CIRCA 10.0000 euro”. Signori, da qualche parte il quadro economico del progetto ci deve essere! Chiedo - e se qualcuno risponde lo ringrazio - ma quanto è costato complessivamente il tutto? Gli operai ed i mezzi che hanno lavorato, la realizzazione della pista, l’operatore economico che ha lavorato per tutto il periodo fino alla chiusura dell’impianto, il ripristino a nuovo del prato su cui si era scavato! I costi di energia elettrica con la relativa mano d’opera ! Datemi una risposta, che ne farò tesoro. Grazie. (IL MICIO) 

Grazie per averci scritto. La pista del ghiaccio dello scorso anno è costata alla collettività oltre 120.000 euro, di cui oltre 10.000 per energia elettrica! Il prato a tutt’oggi non è stato messo a verde, e quindi rimane ancora aperta quella ferita sulla piazza centrale di Tradate. Quei soldi, in modo proficuo, potrebbero essere indirizzati per aiutare a pagare le bollette energetiche (luce, gas) di molti anziani che, con la loro miserrima pensione, non ce la fanno. La pista del ghiaccio per Tradate è una grandissima ...onzata! Lo scriviamo a piene lettere: è l'unico modo per essere chiari! E ne scriveremo altre, per altre iniziative altrettanto assurde. Non si faccia populismo affermando che i bambini dei NON ricchi, in tale modo, hanno l'opportunità di pattinare sul ghiaccio! Facciamo le case economiche in Tradate, non la pista sul ghiaccio.

4 commenti:

gabriele ha detto...

Oltre ai costi assurdi di questa struttura a nessuno viene in mente di dire che la piazza così come rimane fa schifo?? Non che con la pista sia più bella (fili, cavi, impalcature...sembra una cosa fatta dai Rom, tanto cari ai legaioli) ma per 12 mesi ci dobbiamo subire una piazza del centro città con la terra? sembra Tunisi mentre invece siamo nella città giardino di Candiani, con le rotondine, i praticelli delle aiuole...quanti soldi buttati via!!! a casa!!!

Anonimo ha detto...

Una dette tante scelte demenziali dell' amministrazione Candiani II°. Assai criticata anche in ambito lega e amici degli amici.
Non fatene fare altre,,,
CLAUDIO

Federica ha detto...

Ma per far giocare quel bambino noi ci dobbiamo tenere quella piazza così com'è ora??
Non c'è più prato, fa caldo, è brutta da vedere, ci sono cacche di cane ovunque. La piazza principale conciata in quel modo mentre se giri per il paese trovi delle aiuole che sembrano moquette. Ma la testa dove ce l'hanno questi signori?

manolo ha detto...

... ho caricato un paio di foto qui e qui, per chi fosse interessato a vedere la cosa, ma per un motivo o un altro non potesse andarci di persona.